Questione di classe, prima parte: Triumph 2000 e 2.5 PI Mk1
Monografie | Storia e Cultura

Questione di classe, prima parte: Triumph 2000 e 2.5 PI Mk1

La Triumph 2000 fu un’auto molto importante nel mercato britannico, la prima avvisaglia dell’aspra guerra tra le berline premium di grossa cilindrata che ancora perdura. In questo articolo scopriremo le origini della 2000 Mk1, il suo legame con la rivale Rover P6 e la prima 2.5 PI.

Modelli: 2000/2500 MK1

Parole chiave: Alick Dick / Arthur Ballard / Giovanni Michelotti / Harry Webster / Sir John Black / Sport

Scarica la monografia (2 Mb)
Cerca
Cerca in
Parola chiave: Aaron Severson

Questione di classe, seconda parte: Triumph 2000, 2.5 PI e 2500 Mk2
Monografie | Storia e Cultura

Questione di classe, seconda parte: Triumph 2000, 2.5 PI e 2500 Mk2

La Triumph 2000 fu un successo, dando filo da torcere alla Rover 2000 e dimostrando che esisteva un mercato redditizio per berline di grossa cilindrata ma dal prezzo accessibile. La versione Mk2, introdotta nella primavera del 1969, sembrava in grado di proseguire quel successo, ma con la Triumph ora parte della British Leyland Motor Corporation il futuro della 2000 fu presto messo in discussione. In questa seconda parte del nostro articolo, racconteremo il finale della storia delle berline Triumph 2000, 2.5 PI e 2500TC/2500S.

Modelli: 2000/2500 MK2

Parole chiave: Donald Stokes / Giovanni Michelotti / Harry Webster

Scarica la monografia (2 Mb)
Il canto del cuneo: La Triumph TR7 e TR8
Monografie | Storia e Cultura

Il canto del cuneo: La Triumph TR7 e TR8

La Triumph TR7 è figlia dell’era più incerta nella storia dell’industria automobilistica Britannica – l’ultima e più controversa erede di una lunga dinastia di auto sportive. In questo articolo esamineremo la complicata storia della TR7, della sorella equipaggiata con un V8, la TR8, nonché della Triumph stessa.

Modelli: Roadster TR7 / Roadster TR7 Sprint / Roadster TR8

Parole chiave: Canley / Donald Stokes / Giovanni Michelotti / Harry Webster / Sport

Scarica la monografia (3 Mb)